Una lezione integrata: come didattizzare un video

Ciao ragazzi, qui di seguito trovate una lista di video disponibili in rete che  ho già usato e che possono essere utili per creare una lezione integrata. Integrata perché il testo sul quale basare la lezione diventa il video che può essere utilizzato in diversi modi. Su questi video si possono sviluppare diverse attività per diversi livelli.

Buona fortuna,Antonio

Contattami per la seconda parte del post

Advertisements

International House 2013:Language Conference

 

London

London (Photo credit: @Doug88888)

This year we offer an individual conference programme for each language including workshops and presentations of research and created material.

 
The conference will focus on practical teaching ideas and technology in the classroom. It is a move away from last year’s sessions on new publications and promoting new books and is in direct response to your feedback. All speakers are experienced practitioners from International House and other reputable institutions.
Mo.La.Co. is designed for heads of department, teacher trainers and teachers of modern languages. The price for taking part to the conference is £35.
 
If this is of interest to you please book your place on http://www.ihlondon.com/molaco or for further information call 020 7611 2416.
 
 
 
Event details
Date: Saturday 16 November 2013
Place: International House London, 16 Stukeley Street, Covent Garden, London WC2B 5LQ

E-learning: i migliori del settore

Coursera

Coursera (Photo credit: AJC1)

Per chi desidera lavorare nel campo dell’e-learning, una classifica di fastcompany.com sulle migliori realtà nel campo.

Da coursera a gamedesk passando per udacity, il futuro dell’istruzione è qui, o quasi.

1_COURSERA

For simultaneously scaring and wooing brick-and-mortar universities into the future by helping get their courses online, at no cost to students. By the end of 2012, eight months after the site’s launch, 33 universities were offering 206 courses overCoursera’s platform, all free to the site’s two million users–up from only five universities in the beginning. Now the startup, whose growth “has really amazed” even cofounder Andrew Ng, is looking more and more like a stand-alone school. Last December, the company launched career services to begin matching students with employers (early recruiters are Facebook and Twitter), and Coursera will soon offer its own online courses for credit.

2_UDACITY AND 3_EDX

For blowing open the online education market with the backing of seasoned entrepreneurs. Sebastian Thrun, founder of Udacity, is an award-winning professor at Stanford; Anant Agarwal, founding president of EdX, is an acclaimed former professor at MIT. Each has created online platforms offering courses for students at reduced or no charge, pioneering the format known as the massive open online course, or MOOC. The classes are from acclaimed institutions–Stanford, MIT, Harvard, and UC Berkeley among them–and function as laboratories to test the Internet as an education platform.

4_RIO SALADO COMMUNITY COLLEGE

For creating a customized course-management and student-services system to keep track of at-risk students on its Arizona campus and online. It’s the fastest-growingcommunity college in the nation, with 70,000 students in Arizona and online nationwide–mostly poor, Hispanic, and first-generation. The RioLearn system alerts faculty when a student’s attendance slips or if anyone misses an assignment, and also sends students text message reminders. Within the first eight days of class, the data can predict which students are likely to drop out so that teachers can focus their attention on them. This year, the system began to offer news, alerts, social networking features, and a single sign-on for all campus systems.

5_AMPLIFY

For charging into the new field of learning analytics. NewsCorp first dipped its toe into educational technology late in 2010 when it acquired Wireless Generation, a data systems engineering firm that built software to track student progress. The acquisition was announced just days after it was revealed that Joel Klein, the former superintendent of New York City Public Schools, would be joining the conglomerate as well. Last July it launched Amplify, an education technology unit led by Klein, which will produce open-source, tablet-based classroom assessment tools that will help teachers use classroom and student data to their advantage. NewsCorp also secured the support of AT&T, which will provide hardware during the program’s pilot phase.

6_GAMEDESK

For building STEM concepts into games that both engage and entertain. GameDesk is the product of seven years of research at the University of Southern California to test the power of games as educational tools. The result has been some of the most exciting games in the field–both in playability and their power to educate. A $3.8 million donation from AT&T early last year was the largest grant of any kind in the telecom giant’s history and will help the group develop its learning software–as with, for instance, a version of Angry Birds that teaches kids the mathematics of a parabola.

7_DUOLINGO

For crowdsourcing web translation by turning it into a free language-learning program. Developed at Carnegie Mellon, the program is both easy and addictive: Pick the language you want to learn, sign up, and start translating. Duolingo serves up a sentence for you to translate. If you don’t know a word, hover over it, and the site will define it for you in English. Advance through the levels and earn reward points. And never, ever pay. That’s because what you’re actually translating is Internet content; essentially, you’re performing a service for the world wide web–a service Duolingo can sell, making it economically sustainable.

8_INSIDETRACK

For motivating 350,000 students nationally, from undergraduates to adults, to complete their education through intensive, individual counseling. Three hundred coaches work for InsideTrack, a 12-year-old San Francisco company that is the biggest player in the growing field of providing hourly counseling services for college students. InsideTrack has racked up good results; at the colleges it serves, it has boosted graduation rates an average of 15%.

9_FUNDZA

For publishing a series of addictive YA novels that deal with racial and social issues while teaching South African high school students to read. A project of socially conscious publisher Cover2Cover Books, FunDza has three prongs: the Harmony High series, like the Sweet Valley High of the South African literary market, written for and appealing to everyday teens; a mobile site that hosts serialized short fiction and non-fiction narratives; and a mobile feature that lets students publish their own work. FunDza also provides free reading materials to schools that pledge to push literacy with their students.

10_CLASSDOJO

For giving teachers an app to help them solve their biggest problem–classroom management–through real-time feedback and online rewards. The cofounders are Sam Chaudhary, a former teacher and education analyst, and Liam Don, a game developer who turned down a recording contract to pursue a PhD in education technology. In its first year of beta testing, the site attracted more than 3.5 million teachers and students in 30 countries and raised $1.6 million in seed funding from investors including Learn Capital and Paul Graham of Y Combinator. The best part is that most of the growth has been viral–word of mouth among teachers over Twitter and Facebook–showing that the program has real traction with its target audience.

Il futuro della lettura

Un articolo interessante su corriere.it  presenta tutte le novità in arrivo sui telefoni o pc a casa fra cui come cambierà il modo di leggere sugli schermi, (il telefonino che gira le pagine con il movimento degli occhi) o  di guardare i video (si interrompono non appena muovi lo sguardo.)

A me gli occhi, ti comando così

 C’è un esilarante videoclip su YouTube in cui uno scozzese chiede al suo iPhone un consiglio per andare a mangiare un panino al prosciutto, patatine e una pinta di birra. Al terzo frustrante tentativo il telefono finisce in frantumi contro il muro. L’accento scozzese non è il più semplice da comprendere, né da un software né da uno straniero, ed è pur vero che incomprensioni con il proprio assistente vocale (sia esso Siri o quello dei concorrenti) avvengono in tutte le lingue. Quel che fino a due anni fa apparteneva alle sperimentazioni o ai film di fantascienza oggi è realtà disponibile per tutti. E non è l’unica novità tecnologica per quel che riguarda l’interazione uomo-macchina. Anzi, se per decadi siamo rimasti limitati alla tastiera, poi arricchita dal mouse, negli ultimi sei anni abbiamo visto fiorire nuovi modi di fornire input ai computer che ci circondano. Multitouch, controllo vocale e oculare sono già presenti in alcuni dispositivi in commercio e le novità sono appena incominciate. 

Dalla tastiera al pensiero.Il nuovo smartphone di Samsung, il Galaxy S4, ha integrato un sistema per far scorrere le pagine sullo schermo azionato dal movimento degli occhi: si chiama SmartScroll ed è basato sulla tecnologia di eye-tracking così come l’altra nuova funzione, chiamata SmartPause, che interrompe il video in riproduzione quando rileva che lo sguardo dell’utente è andato altrove. Una tecnologia che presto sarà presente anche sui modelli Lg, e c’è già aria di battaglia legale tra i due colossi coreani per il brevetto.L’input con lo sguardo è una tecnologia su cui sta sperimentando molto anche Google per gli occhiali intelligenti, i Glass, che saranno in commercio entro fine anno.  Una piccola società californiana, LeapMotion, ha condensato la soluzione di Kinect in un piccolo accessorio che rileva solo i movimenti delle mani, tramite cui sarà possibile comandare il pc. Due colossi del mercato come Hp e Asus hanno siglato accordi per implementare la tecnologia nei computer, portatili e non, di prossima produzione.Evoluzioni sono in arrivo anche sul fronte touchscreen. L’obiettivo è una migliore sensazione tattile. Oggi il massimo che si può ottenere come «risposta» dello schermo al tocco è un segnale acustico o una vibrazione. Domani non sarà così. Apple ha depositato un brevetto per uno schermo con cristalli «piezoelettrici» posizionati sotto la superficie in grado di far percepire il singolo tasto, o oggetto, cliccato.
L’ultima frontiera al momento immaginata è quella più fantascientifica e ci sta lavorando Samsung insieme ad alcuni ricercatori dell’Università del Texas. Il controllo del dispositivo avviene tramite il pensiero: l’interfaccia in questo caso è costituita da una cuffia con elettrodi che rivelano l’attività cerebrale e al momento è stato sviluppato un software in grado di eseguire alcuni semplici compiti, come selezionare un’applicazione, lanciarla e chiuderla. Per il resto è solo una questione di tempo.

Gabriele De Palma

Tim Berners Lee: “Vogliono controllare la Rete”

Il tema della sicurezza in Rete ai tempi di Prism, intercettazioni senza limiti e fughe rocambolesche delle “gole profonde” è nelle penne di tanti osservatori, commentatori, blogger e utenti. Ma se a parlarne è Tim Berners Lee, l’inventore dei World Wide Web, il “www” come lo conosciamo tutti, la questione acquista ulteriore peso.

E Sir Lee non le manda a dire: “Governi e aziende tentano di prendere il controllo della Rete e in questo modo minano i principi fondamentali del web”, parlando a Monte Carlo alla conferenza Ernst & Young World Entrepreneur of the Year. E in questo momento “La Rete è sotto attacco di chi vuole imbavagliarla attraverso leggi preoccupanti come il Sopa e le decisioni delle grandi internet company”. Mentre in Italia tornano le proposte ammazza-blog.

L’intervista è stata rilasciata nello stesso lasso di tempo in cui è arrivata alle cronache la scoperta del sistema Prism attraverso le rivelazioni dell’ex-agente Edward Snowden. Berners Lee descrive un possibile scenario estremo: “Se qualcuno potesse controllare la Rete potrebbe manipolare le opinioni e i pensieri che le persone mettono in rete, intercettare le comunicazioni avrebbe in mano uno strumento davvero molto potente, che se arrivasse a un governo corrotto, potrebbe servire a farlo rimanere al potere per sempre”.

Riguardo le operazioni di spionaggio segreto, Lee commenta:  “Operazioni di sorveglianza senza mandato sono da considerarsi reato contro i diritti umani di base e minacciano le fondamenta di una società democratica. Invito tutti gli utenti della Rete a chiedere maggiore protezione ai termini di legge per salvaguardare la privacy delle comunicazioni personali, e il diritto di essere informati quando qualcuno richiede e archivia i propri dati”. Questo perché “negli ultimi vent’anni, il web è diventato una parte integrante  delle nostre vite. E una qualsiasi traccia dell’utilizzo che se ne fa può rivelare informazioni anche molto intime sulla persona. Questi dati sono un tesoro: di chi vi fidereste per mantenerli in sicurezza?”

Aggiunge Lee: “Governi e aziende in tutto il mondo cercano di mettere le mani sulla rete in modi diversi. Il campanello d’allarme è stato quando l’ex premier dell’Egitto Mubarak impedì l’accesso al web durante i moti di piazza”. Uno scenario più pericoloso di un monopolio, che certamente riduce la competitività e rallenta l’innovazione, ma che come arriva può anche sparire. “I governi devono garantire la neutralità e l’indipendenza del web in modo analogo a quanto avviene con la stampa”, conclude Lee. “Le aziende e le organizzazioni che lavorano col web devono essere connesse al governo ma mantenere una certa distanza”.

Adattato da Repubblica.it

Tim Berners-Lee at a Podcast Interview

Tim Berners-Lee at a Podcast Interview (Photo credit: Wikipedia)